Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

novembre 03, 2019

La protesta di Colin Kaepernick continua da tre anni mentre spera ancora nel ritorno in NFL.

Il 14 agosto del 2016 l’allora quarterback dei San Francisco 49ers, Colin Kaepernick, rimase seduto a bordo campo durante l’esecuzione dell’inno statunitense prima di una partita della preseason estiva della National Football League. Lo fece anche quattro giorni dopo, ma il gesto passò inosservato. Negli Stati Uniti si iniziò a parlare di Kaepernick il 26 dello stesso mese, quando venne notato in panchina durante l’esecuzione dell’inno. Qualche ora dopo Kaepernick parlò per la prima volta della sua protesta alla stampa, dicendo: «Non starò in piedi per dimostrare il mio orgoglio per la bandiera di un paese che opprime i neri e le minoranze etniche. Per me è più importante del football, e sarebbe egoista guardare dall’altra parte. Ci sono cadaveri per le strade, e persone che la fanno franca». Nel 2017, al termine di quella stagione, il suo contratto con i 49ers terminò: da allora nessuna squadra di NFL lo ha più ingaggiato.

 
La sua protesta è tuttora uno dei temi più discussi nello sport nordamericano. Decine di sportivi lo hanno imitato, e alcuni di loro hanno subito ripercussioni. L’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, sostenne Kaepernick e la protesta, mentre l’attuale presidente, Donald Trump, alimentò le polemiche attaccando molto duramente tutti i professionisti che si erano inginocchiati durante l’inno. Nel frattempo Kaepernick ha compiuto 31 anni, è diventato uno dei testimonial principali di Nike e da 897 giorni continua ad allenarsi a pieno regime, sperando ancora nel ritorno in NFL.

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono