Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

febbraio 19, 2010

Internet News: Bavaglio per la rete italiana, ritorna lo spettro di un nuovo DDL mentre in Gran Bretagna linkare non è reato.

UK, se linkare non è reato

Un sito britannico è stato scagionato dalle accuse di violazione della legge sul copyright. Avrebbe fatto semplicemente da contenitore di link, anche se verso contenuti illeciti
Roma - C'è chi ha sottolineato come si tratti di una caso molto simile a quello che ha coinvolto il tracker musicale OiNK, sia nei capi d'accusa da parte dell'industria che nella risoluzione finale del caso stesso. Una corte britannica ha stabilito che la diffusione online di link a contenuti illegali non costituisce di fatto un'attività illecita, non violando in maniera diretta i principi a tutela del copyright.

Il sito TV-Links.co.uk non ha quindi facilitato in alcun modo la violazione del diritto d'autore a mezzo video, non certo inserendo sul suo spazio online una serie di collegamenti ipertestuali a piattaforme come YouTube, Veoh e DailyMotion. I responsabili del sito britannico - tra cui il suo creatore e proprietario David Rock - non sono quindi condannabili per frode e violazione delle leggi locali a tutela del copyright.

Per la verità, queste leggi non avevano mai condannato il sito. Come spiegato dallo stesso David Rock - arrestato dalla polizia britannica nel 2007 - non esiste alcun principio legale che preveda la violazione del copyright attraverso l'uso di link a contenuti ospitati su piattaforme terze. Infatti Rock aveva dichiarato di non aver mai tenuto nascosto il suo ID, non vedendo alcunchè di male in ciò che stava facendo.

Non della stessa opinione, i rappresentanti della Federation Against Copyright Theft (FACT) che avevano trascinato il sito in tribunale per concorso evidente di colpa. Un tribunale britannico ha ora scagionato Rock e TV-Links proprio per essere stati semplici e neutri traghettatori di indirizzi.


Ritorna lo spettro della R-E-T-T-I-F-I-C-A.



Ci risiamo, purtroppo. Il prossimo 3 marzo scadrà il termine per la presentazione degli emendamenti all’ormai famoso disegno di legge Alfano in materia di intercettazioni che, al suo comma 28 dell’art. 1 prevede l’obbligo di rettifica per tutti i “siti informatici”.

Il timore che la Rete possa essere “chiusa per rettifica” come scrivevo la scorsa estate, dunque, torna a farsi concreto.

In assenza di emendamenti, infatti, il testo del DDL intercettazioni, rischia di diventare legge nella sua attuale formulazione con la conseguenza di imporre all’intera blogosfera italiana ed a milioni di gestori di siti internet di vivere con la mano su mouse e tastiera per l’eventualità in cui qualcuno chieda la rettifica.

All’epoca, raccolte le voci e le richieste della Rete, l’Italia dei valori presentò un emendamento che escludeva dall’ambito di applicazione della disciplina in tema di obbligo di rettifica, i “siti informatici”.

Altri, nel PDL pronisero di presentare un ordine del giorno.

A questo punto si ricomincia tutto da capo: serve un emendamento e serve in fretta.

fonte: Guido Scorza
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:






Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO