Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

agosto 21, 2009

Immigrati, strage in mare, morti in 73 nessun aiuto

inmigranti_tragedia l?odissea degli eritrei: venti giorni dispersi tra le onde.

"Eravamo stremati, stanchi, disperati, ma gli uomini di quel peschereccio, quando l'imbarca­zione si è avvicinata, ci hanno da­to soltanto un paio di bottiglie d'acqua e qualcosa da mangiare. Poi sono spariti, se ne sono andati via».


Hampton, 17 anni, eritreo, è il più giovane deicinque sopravvis­suti all'ultima strage del mare nel canale di Sicilia. È in infermeria del centro di accoglienza di Lampedusa insieme agli altri tre uo­mini e una donna, tutti eritrei, cri­stiani.

Tutti partiti più di venti giorni fa dalle coste libiche insieme ad altri 73 connazionali. Com­pagni di viaggio morti per gli stenti della fame, della sete, per le ustioni del sole e dei vapori della benzina.

Racconta Hampton: «Non cre­devamo a quello che stava acca­dendo, gli uomini di quel pesche­reccio hanno visto che stavamo morendo, ma non ci hanno por­tato a bordo. Non erano italiani, parlavano inglese. Speravamo chemagaridesserorallarme, che segnalassero la nostra posizione
Eravamo stremati, da una barca ci hanno dato un paio di bottiglie d'acqua e poi sono spariti

"L'Occidente a occhi chiusi" non ha voluto vedere il barcone degli eritrei dispersi in mare, come durante il nazismo nessuno vedeva i convogli piombati pieni di ebrei. Duro il commento del gionale dei vescovi sull'ennesima strage dei migranti.

In un editoriale pubblicato in prima pagina, Marina Corradi sostiene che c'è "almeno un equivoco in cui non è ammissibile cadere. Nessuna politica di controllo dell'immigrazione consente a una comunicatà internazionale di lasciare una barca carica di naufragi al suo destino. E questa legge ordina: in mare si soccorre.

Poi, a terra, opereranno altre leggi: diritto d'asilo, accoglienza, respingimento. Poi. Ma le vite, si salvano".

Ads by AdGenta.com

Invece quel barcone vuoto dice del farsi avanti della "nuova legge del non vedere": "Come in un'abitudine, in un'assuefazione. Quando, oggi, leggiamo delle deportazioni degli ebrei soto il nazismo - scrive Corradi - ci chiediamo: certo, le popolazioni non sapevano; ma quei convogli piombati, le voci, le grida, nelle stazioni di transito nessuno li vedeva e sentiva? Allora erano il totalistarismo e il terrore, a far chiudere gli occhi.

Titti è l'unica delle trenta donne sopravvissute a questa strage. Con lei c'erano anche altri tre suoi familiari, due cugini ed un fratello che si erano imbarcati sul gommone della morte sperando di raggiungere l'Italia.

Parla con dificoltà in dialetto Tigrino, la lingua della regione eritrea vicino ad Asmara, ad ascoltarla c'è un suo connazionale che lavora per "Save trhe Children" nel centro di accoglienza di Lampedusa. «Sono arrivata in Libia alcuni mesi fa— diceTitti—è stato un viaggio fati­coso e pieno di insidie e pericoli. Solo la forza dlla disperazione, la speranza di arrivare in Italia mi ha fatto superare tutte le difficoltà». Titti racconta che è stata per un paio di mesi a lavorare, «come una schiava», nelle case dei libici. «Con me—prosegue Titti—c'e­rano altre mie amiche ed altri connazionali, tutti in cerca di for­tuna, tutti con la speranza di rag­giungere l'Italia dove da anni vi­vono altri nostri parenti ed ami­ci».


Titti smette poi di parlare, le spuntano le lacrime agli occhi, i ricordi di quiei giorni vissuti in mare in balia delle onde e delle intemperie del giorno e della notte.

Oggi no. Una quieta, rassegnata indifferenza, se non anche una infastidita avversione, sul Mediterraneo. L'Occidente a occhi chiusi". "Così è stata violata una legge antica - conclude - "che minaccia le nostre stesse radici. Le fondamenta. L'idea di cos'è un uomo, e di quanto infinitamente vale".

fonte: La Repubblica, 21/08/2009

Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO