Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

novembre 18, 2011

Spariti i soldi per la ricerca italiana.

Ogni anno l'agenzia del farmaco riceve cospicui fondi per finanziare gli studi indipendenti, cioè non legati a Big Pharma. Quelli del 2010, però, non si sa dove siano finiti.

L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) è un organismo previsto da una legge dello Stato, e che risponde al governo. Ogni anni questa Aifa incassa dalle aziende farmaceutiche un mucchio di quattrini che per legge devono essere destinati alla ricerca indipendente (medica e famacologicoa). L'ultimo bando in merito però è relativo ai fondi del 2009.

E i fondi arrivati dopo, dove sono finiti? E qual è l'ammontare della cifra del 2010, di cui non si sa nulla? Abbiamo girato queste domande all'Agenzia governativa venerdì 7 ottobre, più di due settimane fa. Ma l'Aifa non ha ritenuto di rispondere, limitandosi a questa dichiarazione: «Le notizie che trovate nel nostro sito internet sono aggiornate».

Andiamo a leggerlo, dunque. «La ricerca è finanziata dal contributo pari al 5 per cento delle spese promozionali, versato dalle Aziende farmaceutiche come previsto dalla legge istitutiva dell'Aifa (l. 326/2003)», scrive l'Agenzia. E ancora: «Il fondo così costituito viene destinato alla realizzazione di ricerche sull'uso dei farmaci e in particolare di sperimentazioni cliniche comparative tra medicinali, tesi a dimostrarne il valore terapeutico aggiunto, nonché a sperimentazioni su farmaci orfani e malattie rare».

Insomma, il programma è di quelli davvero utili. Tanto che la stessa Agenzia prevede che questo meccanismo funzioni come un orologio. Leggiamo ancora dal sito: «Ogni anno viene predisposto un bando, rivolto alle strutture del Ssn, agli Istituti di ricerca, alle Università e alle associazioni non profit sulle tematiche considerate prioritarie». Parole al vento, a quanto pare.

Un top manager di una grossa farmaceutica italiana, che chiede l'anonimato, conferma che ogni anno le società del settore versano il 5 per cento delle spese sostenute per la promozione nei confronti di dottori e farmacisti. Ma si dice «sorpreso» di questo pesante ritardo nella pubblicazione del bando.
Si tratta di un'altra mazzata alla ricerca indipendente, già schiacciata dagli alti costi aggiuntivi imposti da una norma che ha fatto felici solo le compagnie d'assicurazione (leggi). Considerando i dati relativi agli studi oncologici "randomizzati", quelli che si occupano soprattutto di fare confronti tra l'efficacia di due farmaci, per esempio, si nota che tra il 2003 e il 2010 si è passati da circa il 50 per cento di ricerche indipendenti ad appena il 30 per cento (fonte: Osservatorio nazionale delle sperimentazioni cliniche).

La situazione è «molto difficile», come ammette Marco Venturini, neopresidente dell'Associazione italiana di oncologia medica. Secondo Venturini, infatti, «se Aifa, organizzazioni di gruppi di ricercatori e istituti non si coordinano tra loro e se i finanziamenti dell'Agenzia non tornano a essere disponibili in tempi rapidi, la ricerca clinica indipendente in Italia rischia di bloccarsi completamente».

In particolare, il medico spiega che a essere a rischio sono gli studi "esplicativi", quelli cercano di scoprire come utilizzare al meglio una medicina, su quali gruppi di pazienti ha una maggiore efficacia e altri "affinamenti" che possono fare poi la differenza tra una terapia riuscita pienamente e una con qualche difficoltà in più. Questi aspetti, infatti, sono indagati per lo più dagli studi spontanei, mentre quelli condotti dall'industria farmaceutica di solito sono di tipo "registrativo", mirati cioè a consentire la registrazione, e quindi la commercializzazione, di un farmaco.

La promozione della ricerca indipendente rappresenta uno degli obiettivi strategici attribuiti all'Agenzia Italiana del Farmaco. E' finalizzata a promuovere la produzione di conoscenze in grado di fornire risposte rilevanti per la salute dei cittadini e per il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) in aree che, nell'attuale organizzazione della ricerca sui farmaci, appaiono destinate a rimanere marginali o di scarso interesse commerciale. L'AIFA si pone quindi il compito di promuovere programmi di ricerca e di finanziare studi clinici sperimentali e osservazionali.

La ricerca si rivolge a tutti i ricercatori impegnati nelle strutture pubbliche e non profit. Fra le ricadute attese della ricerca indipendente vi è non solo la produzione di nuove conoscenze ma anche un'occasione di formazione permanente e di miglioramento nella pratica clinica e assistenziale dei centri coinvolti.
Attraverso la promozione di un’informazione indipendente l’AIFA intende favorire un impiego sicuro ed appropriato dei medicinali; orientando le scelte terapeutiche sulla base delle evidenze scientifiche più accreditate e trasferendo adeguata conoscenza sul farmaco in generale, a tutela e interesse dei pazienti. L’intento è quello di connotarsi quale principale fonte autorevole di notizie e aggiornamenti in materia farmaceutica, sia per quanto attiene le attività più strettamente regolatorie, sia per la promozione di una nuova cultura del farmaco, basata sull’etica e la trasparenza.

Tra gli strumenti di informazione scientifica che l’AIFA mette a disposizione degli operatori sanitari vi è la  rivista di farmacovigilanza Reazioni e ad altre numerose Pubblicazioni, che testimoniano l’impegno dell’Agenzia nella gestione di un’intensa attività editoriale.

Destinato agli operatori sanitari è inoltre l’elenco completo delle note limitative prodotte dall’AIFA per la definizione degli ambiti di rimborsabilità di alcuni medicinali e per il governo della spesa farmaceutica.

Infine, l’AIFA gestisce il Servizio di Informazione sul Farmaco attraverso un numero verde dedicato al pubblico e agli operatori sanitari per quesiti su efficacia, sicurezza e disponibilità dei medicinali.

Ricerca personalizzata

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:



fonte: L'Espresso
Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO