Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

marzo 28, 2013

47,000 aziende protestate in Italia nel 2012: un record di cui non si può essere orgogliosi.

societa-protestate-italia_0147,000 aziende protestate in Italia nel 2012. L’Italia fa registrare un record di cui non si può essere orgogliosi: rispetto al 2007, il numero delle società protestate è salito del 45%.

L’anno scorso, le aziende che hanno accusato almeno un protesto, sono state 47,000. Tali dati sono stati comunicati dal Cerved, gruppo specializzato nell’analisi d’impresa, ed analizzati dall’agenzia Ansa.

La crescita del numero delle aziende protestate in Italia pare non mostrare nessun segno di rallentamento: negli ultimi tre mesi del 2012 si è notato un aumento proporzionale, con 221,000 titoli contestati a 69,000 aziende italiane, incluse società individuali.

Tale boom negativo non ha risparmiato nessun settore e quelli più colpiti sono stati quello delle costruzioni (11,000 società protestate che rappresenta una crescita del 9,1% rispetto al 2011) e dei servizi (25,000 società protestate, +9.5%)
imprese_protestate
Analizzando più a fondo i dati forniti dal Cerved, si evince che i ritardi nei pagamenti delle imprese verso i propri fornitori, sono tornati ai livelli registrati durante la crisi. Secondo il gruppo, spesso questi casi sfociano in default.

Le fatture delle aziende italiane tra Ottobre e Dicembre 2012 sono state regolate con una media di 85 giorni. Tuttavia, il dato più inquietante riguarda le grandi aziende che possono godere di termini di pagamento più vantaggiosi; il ritardo nei pagamenti delle grosse società è cresciuto dal 6,9% all’8,2% del totale in un solo trimestre.
 
La situazione non risulta molto vantaggiosa per il cash flow delle società italiane, che spesso cercano di espandere il loro mercato oltre i confini nazionali, sopperendo alla crisi attraverso l’espansione del proprio bacino clienti.

Il processo di espansione all’estero è molto delicato ed è meglio appoggiarsi a consulenti accreditati, in grado di seguire la società in ogni step del processo di internazionalizzazione. Dalla costituzione di una società all’estero, alla gestione della stessa, Tax & Advise è un partner affidabile, capace di fornire il giusto supporto per accompagnare ogni società cliente verso il successo.
sos aziende
 
Ricerca personalizzata
 
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog: 

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO