Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

settembre 14, 2015

Il ruolo dei social network nei viaggi dei migranti siriani.

Il ruolo di Facebook e degli smartphone nei viaggi dei migranti.

Sempre più migranti, soprattutto siriani, viaggiano verso l'Europa con le informazioni ottenute sui social network e aiutandosi con il GPS.

La rete televisiva americana CNN ha raccontato il viaggio dei migranti verso l’Europa, passando dalla Turchia e dalla Grecia. Il video mostra il modo con cui alcuni migranti affrontano il loro viaggio e le molte difficoltà: per esempio usano molto la condivisione di informazione e suggerimenti su Facebook e le mappe sugli smartphone.

dadovevengonogliimmigrati800

Alessandra Morelli, funzionaria dell’Alto Commissario per i Rifugiati delle Nazioni Unite, ha spiegato che tra i migranti c’è sempre più tecnologia: «il livello di organizzazione è qualcosa di nuovo. Quando i migranti arrivano sanno esattamente dove devono andare e a chi devono rivolgersi. Sanno cosa comprare: Facebook sta avendo un ruolo incredibile».

Nel video di CNN un uomo mostra una delle molte pagine Facebook che i migranti usano per scambiarsi informazioni sui loro viaggi: per esempio consiglia quale tipo di tenda comprare per accamparsi. Amr Zaidah è un siriano di 26 anni, laureato in economia. Alcuni giorni fa ha raccontato come internet abbia contribuito in maniera determinante al suo viaggio verso l’isola greca di Lesbo: «ho fatto ricerche sul viaggio per mesi: sono diventato esperto di previsioni meteo e di come evitare di essere truffati dalle persone sbagliate».

Su Facebook i migranti utilizzano soprattutto dei gruppi – spesso “chiusi” e quindi non accessibili se non su invito – in cui chi ha già completato il viaggio offre informazioni utili a chi ancora lo deve iniziare. Associated Press ha spiegato che uno dei gruppi più usati, al momento non più accessibile, si chiamava “al-Mushantateen“, che in arabo è un gioco di parole tra “esodo” e “valigia”. Alcune settimane fa il New York Times ha raccontato che internet ha contribuito a «intensificare i viaggi sulle rotte che si sono dimostrate più efficaci e relativamente meno pericolose: è per questo motivo che nell’ultimo periodo molti migranti hanno scelto di entrare in Europa passando dai Balcani».

migrante

Facebook e l’uso che i migranti ne fanno potrebbero anche contribuire a cambiare le modalità di viaggio, oltre che le rotte. Il New York Times ha scritto che Facebook aiuta a rendere il viaggio più semplice e autonomo e questo potrebbe mettere in crisi le attività illegali dei trafficanti che si fanno pagare per aiutare i migranti nel loro viaggio. È però anche vero che non tutti i migranti usano internet e gli smartphone allo stesso modo. I siriani tendono ad essere più preparati e tecnologicamente equipaggiati per i loro viaggi, anche perché sono più ricchi rispetto ai migranti provenienti da altri paesi. Gli afghani, i somali e gli eritrei sono per esempio più poveri e di conseguenza senza smartphone: i loro viaggi sono quindi più complicati e meno pianificati.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO