Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

luglio 13, 2009

Mille “auto pirata” a Genova conferme all’inchiesta

auto_pirata Nel nostro Paese si moltiplicano le auto intestate a prestanome, con numerosi italiani e stranieri «proprietari» di centinaia di veicoli.

Ovvero la vicenda illustrata e denunciata da una inchiesta svolta da Il Secolo XIX nei giorni scorsi che aveva quantificato, dati alla mano e sulla base delle numerose indagini svolte da varie forze di polizia. in almeno mille le auto del giro presenti in provincia di Genova.

A lanciare l’allarme e confermare i dati è l’Asaps, l’Associazione amici sostenitori polizia stradale, secondo cui il fenomeno favorisce «la commissione di reati, la pirateria e gravi disagi per chi ha la sventura di un incidente con un veicolo di un proprietario fantasma».

«Le cronache degli ultimi giorni - attacca Giordano Biserni, presidente dell’Asaps - riconducono ad un unico denominatore: in Italia sta dilagando il sistema di intestare auto a prestanome. Una volta centinaia di veicoli sono intestati al barbone della stazione di Milano, un’altra alla casalinga di Bergamo, a Genova migliaia di auto a tre romeni. Come può accadere? In modo molto semplice, intestando auto nuove o usate a persone che si limitano a fornire un documento per poche decine di euro».

Le conseguenze, però, rischiano di essere «veramente pericolose». Intanto si potranno commettere reati contro il patrimonio (furti, rapine ecc.) o truffe circolando con una macchina `pulità, cioè con una vettura che non risulta segnalata con targa e numero di telaio negli archivi ricerche delle forze dell’ordine. Risaliti al proprietario questo risulterà uno sprovveduto o (complice) senza patrimoni aggredibili.»

«Le vetture, poi, spesso sono prive di assicurazione o con assicurazione falsa, il che «incrementa il fenomeno della pirateria stradale. Dopo il sinistro scappo - prosegue Biserni -. Rilevano la targa? Vadano poi a parlare con il barbone, con la casalinga, col drogato di turno. Sono stati accertati anche casi di intestazioni a persone giuridiche prestanome, poi risultate residenti in indirizzi di campi nomadi».

Non solo. Il sistema dell’intestatario prestanome permette anche di effettuare truffe in serie con auto fantasma..

fonte: Il Secolo XIX, 13/07/2009

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO