Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, acquisti, internet fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione arte moderna, monumenti futuristici, Jugoslavia giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

ottobre 11, 2013

Cemento ed ecomostri, il record italiano.

“I dati Istat elaborati, dai quali risulta che in quindici anni sono statiti erosi 3 milioni e 663 mila ettari che, giusto perché ci si possa rendere conto delle dimensioni del problema, corrispondono grosso modo alla superficie del Lazio e dell’Abruzzo assieme” (Dati ISTAT 2007).

L’Italia detiene il record di segnalazioni presso l’ONU per sfruttamento, degrado, cementificazione delle coste,  e altro, in un elenco di mancanze decisamente imbarazzante.  “1966 denunce, 737 sequestri effettuati dalle Forse dell’ ordine, gli illeciti sul fronte scarichi e depurazione sono cresciuti del 42 per cento” (VocedItalia.it, giugno 2008). Negli ultimi 10 anni sono scomparsi più di 3 milioni di ettari, di cui 2 di superficie agraria, di terreno libero da costruzioni e vincoli.

Ecomostri-milano-hotel-mondiali-italia-e1355557189250

Numeri che fanno girare la testa, 3 ettari equivalgono alla somma di Lazio e Abruzzo, una superficie decisamente considerevole. Il cemento stava, sta, mangiando la terra, l’acqua, il cielo anche. Cielo che viene deturpato dai cosiddetti ecomostri, neologismo inventato da Legambiente per l’ Hotel Fuenti sulla costiera amalfitana, un esempio su tutti Le Vele a Scampia, note per il degrado non solo architettonico ma anche di vita.

ecomostro

Gli ecomostri non sono solo però questi enormi edifici che squarciano il cielo ma anche, ad esempio, cascine del Quattrocento costruite in oasi protette, come accaduto sull’ Appennino bolognese. Una colata di cemento che in maniera più o meno evidente avvolge il Belpaese, strozzandolo e oscurandolo.

ecomostro1

Come se questi  numeri non bastassero l’Italia è anche al primo posto per il consumo di cemento armato: 46 milioni di tonnellate l´anno. Numeri e statistiche dono pressocchè infiniti, in crescita ogni anno e dovrebbero farci fermare a riflettere sulla devastazione che il Paese più bello al mondo sta subendo.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Ultime notizie, foto, video e approfondimenti su: cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

0 commenti:

Raccomandati Se Ti Piacciono

Natura & Ambiente

Italia Photo Gallery

Internet, Software,Tech & SEO