Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, 2012, impatto, seo fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione manchester united, calcio, inghilterra, alex ferguson giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

sabato 6 febbraio 2016

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Gennaio 2016.

1.- Se dico caffè dico…

Se dico caffè dico…

Lungo, corto, alto, ristretto, marocchino, americano, macchiato, corretto, con la panna o con la cioccolata. Come prendete il caffè? Date un'occhiata a quanti modi esistono per ordinare o... Paese che vai, caffè che trovi. Il caffè a Venezia è “pizzicato” quando viene servito con una spruzzatina di panna. Meno comune è il caffè “all'uovo”, un espresso caldo con aggiunta di un uovo sbattuto e

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Le centrali a carbone in Italia.

Le centrali a carbone in Italia.

L’Italia importa via mare circa il 90% del proprio fabbisogno di carbone, su una flotta italiana di circa 60 imbarcazioni che garantiscono una capacità di carico complessiva di oltre 4,6 milioni di tonnellate. Le provenienze sono molto diversificate: i principali paesi di importazione sono gli USA, il Sud Africa, l’Australia, l’Indonesia e la Colombia, ma anche il Canada, la Cina, la Russia e

Leggi il resto dell'articolo... »


3.- Saperi e rappresentazioni del territorio a Torino, 1848-1911.
Saperi e rappresentazioni del territorio a Torino, 1848-1911.
Fino al 29 marzo 2015 il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino ospita la mostra «Immaginare la nazione. Saperi e rappresentazioni del territorio a Torino, 1848-1911». Un evento di grande valore scientifico che si realizza grazie al contributo della Compagnia di San Paolo. Obiettivo della mostra è illustrare il ruolo svolto dall’ambiente culturale torinese nel processo di
Leggi il resto dell'articolo... »

4.- I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.

I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.

Comincia da qui il secondo tempo dell’apprendistato. E’, infatti, pronta la riforma pensata dal Ministero del Lavoro che prevede l’annullamento della quota di stabilizzazione del 20% per poter assumere nuovi apprendisti per le aziende con più di 50 dipendenti, l’azzeramento della contribuzione per i primi tre anni anche per le aziende con più di 9 addetti e l’introduzione delle tutele crescenti

Leggi il resto dell'articolo... »


5.- L'ottocentesca casa natale di Pietro Badoglio è stata trasformata in museo.
L'ottocentesca casa natale di Pietro Badoglio è stata trasformata in museo.
L'ottocentesca casa natale di Pietro Badoglio è stata trasformata in museo in seguito alla realizzazione di un gruppo di volontari ed estimatori "badogliani". La struttura, di proprietà della Fondazione Badoglio, è gestita dal Centro culturale "Pietro Badoglio", che ne cura l’allestimento, l’arricchimento e l’aspetto comunicativo e scientifico. Vi sono riunite una raccolta di fotografie, in

6.- I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.
I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.
Comincia da qui il secondo tempo dell’apprendistato. E’, infatti, pronta la riforma pensata dal Ministero del Lavoro che prevede l’annullamento della quota di stabilizzazione del 20% per poter assumere nuovi apprendisti per le aziende con più di 50 dipendenti, l’azzeramento della contribuzione per i primi tre anni anche per le aziende con più di 9 addetti e l’introduzione delle tutele crescenti

7.- Clima, a cosa serve la conferenza di Parigi.

Clima, a cosa serve la conferenza di Parigi.

Ottantadue presidenti, sei vicepresidenti, quarantasette primi ministri, due cancellieri, cinque re, tre principi, un emiro e un segretario di Stato che parlano al microfono, uno dopo l’altro. I massimi rappresentanti di oltre 150 Paesi del mondo, da Barack Obama a Xi Jingpin, da Vladimir Putin a Recep Erdogan, da Matteo Renzi al cardinale Pietro Parolin, aprono oggi a Parigi la conferenza sul

Leggi il resto dell'articolo... »

8.- C’era una volta il cinema politico.

C’era una volta il cinema politico.

C’era una volta il cinema politico… E ora non c’è più? No, qualche nobile tentativo c’è ancora ma difficilmente paragonabile al lavoro lasciato da Elio Petri con l’amico e compagno di ideologie Gian Maria Volonte’. Erano anche altri tempi, direbbe qualcuno, eppure temi e modalità di censura e di critica non sembrano così lontani da quelli di oggi. E allora proviamo a scandagliare la memoria.

Leggi il resto dell'articolo... »

9.- Assicurazione auto: con l'anno gratis si perde la classe Bersani.

Assicurazione auto: con l'anno gratis si perde la classe Bersani.

Il dilemma per gli automobilisti non è di poco conto: Rc auto gratuita per un anno oppure ereditare la classe di merito? L'interessante offerta avanzata da case automobilistiche e concessionarie, infatti, mette di fronte ad un bivio chi sta pensando di accettarla, poiché in tal caso non potrà più beneficiare dell'agevolazione prevista all'interno della cosiddetta "Legge Bersani.” Tante persone

Leggi il resto dell'articolo... »

10,. Il ruolo dei social network nei viaggi dei migranti siriani.

Il ruolo dei social network nei viaggi dei migranti siriani.

Il ruolo di Facebook e degli smartphone nei viaggi dei migranti. Sempre più migranti, soprattutto siriani, viaggiano verso l'Europa con le informazioni ottenute sui social network e aiutandosi con il GPS. La rete televisiva americana CNN ha raccontato il viaggio dei migranti verso l’Europa, passando dalla Turchia e dalla Grecia. Il video mostra il modo con cui alcuni migranti affrontano il

Leggi il resto dell'articolo... »

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

giovedì 14 gennaio 2016

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Dicembre 2015.

1.- Se dico caffè dico…

Se dico caffè dico…

Lungo, corto, alto, ristretto, marocchino, americano, macchiato, corretto, con la panna o con la cioccolata. Come prendete il caffè? Date un'occhiata a quanti modi esistono per ordinare o... Paese che vai, caffè che trovi. Il caffè a Venezia è “pizzicato” quando viene servito con una spruzzatina di panna. Meno comune è il caffè “all'uovo”, un espresso caldo con aggiunta di un uovo sbattuto e

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Le centrali a carbone in Italia.

Le centrali a carbone in Italia.

L’Italia importa via mare circa il 90% del proprio fabbisogno di carbone, su una flotta italiana di circa 60 imbarcazioni che garantiscono una capacità di carico complessiva di oltre 4,6 milioni di tonnellate. Le provenienze sono molto diversificate: i principali paesi di importazione sono gli USA, il Sud Africa, l’Australia, l’Indonesia e la Colombia, ma anche il Canada, la Cina, la Russia e

Leggi il resto dell'articolo... »


3.- Saperi e rappresentazioni del territorio a Torino, 1848-1911.
Saperi e rappresentazioni del territorio a Torino, 1848-1911.
Fino al 29 marzo 2015 il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino ospita la mostra «Immaginare la nazione. Saperi e rappresentazioni del territorio a Torino, 1848-1911». Un evento di grande valore scientifico che si realizza grazie al contributo della Compagnia di San Paolo. Obiettivo della mostra è illustrare il ruolo svolto dall’ambiente culturale torinese nel processo di
Leggi il resto dell'articolo... »

4.- I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.

I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.

Comincia da qui il secondo tempo dell’apprendistato. E’, infatti, pronta la riforma pensata dal Ministero del Lavoro che prevede l’annullamento della quota di stabilizzazione del 20% per poter assumere nuovi apprendisti per le aziende con più di 50 dipendenti, l’azzeramento della contribuzione per i primi tre anni anche per le aziende con più di 9 addetti e l’introduzione delle tutele crescenti

Leggi il resto dell'articolo... »


5.- L'ottocentesca casa natale di Pietro Badoglio è stata trasformata in museo.
L'ottocentesca casa natale di Pietro Badoglio è stata trasformata in museo.
L'ottocentesca casa natale di Pietro Badoglio è stata trasformata in museo in seguito alla realizzazione di un gruppo di volontari ed estimatori "badogliani". La struttura, di proprietà della Fondazione Badoglio, è gestita dal Centro culturale "Pietro Badoglio", che ne cura l’allestimento, l’arricchimento e l’aspetto comunicativo e scientifico. Vi sono riunite una raccolta di fotografie, in

6.- I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.
I dubbi sulla riforma dell’apprendistato.
Comincia da qui il secondo tempo dell’apprendistato. E’, infatti, pronta la riforma pensata dal Ministero del Lavoro che prevede l’annullamento della quota di stabilizzazione del 20% per poter assumere nuovi apprendisti per le aziende con più di 50 dipendenti, l’azzeramento della contribuzione per i primi tre anni anche per le aziende con più di 9 addetti e l’introduzione delle tutele crescenti

7.- Clima, a cosa serve la conferenza di Parigi.

Clima, a cosa serve la conferenza di Parigi.

Ottantadue presidenti, sei vicepresidenti, quarantasette primi ministri, due cancellieri, cinque re, tre principi, un emiro e un segretario di Stato che parlano al microfono, uno dopo l’altro. I massimi rappresentanti di oltre 150 Paesi del mondo, da Barack Obama a Xi Jingpin, da Vladimir Putin a Recep Erdogan, da Matteo Renzi al cardinale Pietro Parolin, aprono oggi a Parigi la conferenza sul

Leggi il resto dell'articolo... »

8.- C’era una volta il cinema politico.

C’era una volta il cinema politico.

C’era una volta il cinema politico… E ora non c’è più? No, qualche nobile tentativo c’è ancora ma difficilmente paragonabile al lavoro lasciato da Elio Petri con l’amico e compagno di ideologie Gian Maria Volonte’. Erano anche altri tempi, direbbe qualcuno, eppure temi e modalità di censura e di critica non sembrano così lontani da quelli di oggi. E allora proviamo a scandagliare la memoria.

Leggi il resto dell'articolo... »

9.- Assicurazione auto: con l'anno gratis si perde la classe Bersani.

Assicurazione auto: con l'anno gratis si perde la classe Bersani.

Il dilemma per gli automobilisti non è di poco conto: Rc auto gratuita per un anno oppure ereditare la classe di merito? L'interessante offerta avanzata da case automobilistiche e concessionarie, infatti, mette di fronte ad un bivio chi sta pensando di accettarla, poiché in tal caso non potrà più beneficiare dell'agevolazione prevista all'interno della cosiddetta "Legge Bersani.” Tante persone

Leggi il resto dell'articolo... »

10,. Il ruolo dei social network nei viaggi dei migranti siriani.

Il ruolo dei social network nei viaggi dei migranti siriani.

Il ruolo di Facebook e degli smartphone nei viaggi dei migranti. Sempre più migranti, soprattutto siriani, viaggiano verso l'Europa con le informazioni ottenute sui social network e aiutandosi con il GPS. La rete televisiva americana CNN ha raccontato il viaggio dei migranti verso l’Europa, passando dalla Turchia e dalla Grecia. Il video mostra il modo con cui alcuni migranti affrontano il

Leggi il resto dell'articolo... »

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

venerdì 4 dicembre 2015

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Novembre 2015.

1.- Se dico caffè dico…

Se dico caffè dico…

Lungo, corto, alto, ristretto, marocchino, americano, macchiato, corretto, con la panna o con la cioccolata. Come prendete il caffè? Date un'occhiata a quanti modi esistono per ordinare o... Paese che vai, caffè che trovi. Il caffè a Venezia è “pizzicato” quando viene servito con una spruzzatina di panna. Meno comune è il caffè “all'uovo”, un espresso caldo con aggiunta di un uovo sbattuto e

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Le centrali a carbone in Italia.

Le centrali a carbone in Italia.

L’Italia importa via mare circa il 90% del proprio fabbisogno di carbone, su una flotta italiana di circa 60 imbarcazioni che garantiscono una capacità di carico complessiva di oltre 4,6 milioni di tonnellate. Le provenienze sono molto diversificate: i principali paesi di importazione sono gli USA, il Sud Africa, l’Australia, l’Indonesia e la Colombia, ma anche il Canada, la Cina, la Russia e

Leggi il resto dell'articolo... »

lunedì 30 novembre 2015

Clima, a cosa serve la conferenza di Parigi.

Ottantadue presidenti, sei vicepresidenti, quarantasette primi ministri, due cancellieri, cinque re, tre principi, un emiro e un segretario di Stato che parlano al microfono, uno dopo l’altro. I massimi rappresentanti di oltre 150 Paesi del mondo, da Barack Obama a Xi Jingpin, da Vladimir Putin a Recep Erdogan, da Matteo Renzi al cardinale Pietro Parolin, aprono oggi a Parigi la conferenza sul clima delle Nazioni Unite, battezzata Cop21.

Un fiume di parole che dovrebbe preludere all’accordo internazionale su una monumentale ricoversione energetica, necessaria a ridurre la collettiva dipendenza dai combustibili fossili che riscaldano l’atmosfera.

Ecco le trattative che vanno a cominciare, in cinque punti.

cop21

C’era una volta il cinema politico.

C’era una volta il cinema politico… E ora non c’è più? No, qualche nobile tentativo c’è ancora ma difficilmente paragonabile al lavoro lasciato da Elio Petri con l’amico e compagno di ideologie Gian Maria Volonte’.

Erano anche altri tempi, direbbe qualcuno, eppure temi e modalità di censura e di critica non sembrano così lontani da quelli di oggi.

E allora proviamo a scandagliare la memoria. Negli  anni in cui Petri faceva cinema c’era la DC. Quella con il Divo Giulio, che nel ’74 porto’ sull’isola di La Maddalena la base Nato, a cui dopo 32 anni gli isolani, supportati dal Governo Prodi  hanno detto NO.

Ma questa e’ un’altra storia.  Pero’ Giulio Andreotti c’entra lo stesso. Nel 1976 Elio Petri girava “Todo Modo” liberamente tratto dal romanzo omonimo di Leonardo Sciascia, pubblicato due anni prima.

cinema-politico

lunedì 16 novembre 2015

Assicurazione auto: con l'anno gratis si perde la classe Bersani.

Il dilemma per gli automobilisti non è di poco conto: Rc auto gratuita per un anno oppure ereditare la classe di merito? L'interessante offerta avanzata da case automobilistiche e concessionarie, infatti, mette di fronte ad un bivio chi sta pensando di accettarla, poiché in tal caso non potrà più beneficiare dell'agevolazione prevista all'interno della cosiddetta "Legge Bersani.”

Tante persone, forse, non ne erano neppure a conoscenza, ma l'offerta che prevede assicurazione gratis per dodici mesi potrebbe trasformarsi addirittura in un boomerang per tutti gli automobilisti. L'inchiesta condotta da "Adnkronos", infatti, ha messo in evidenza il fatto che coloro che accettano questa offerta rischiano di dover rinunciare all'agevolazione contenuta nella "legge Bersani", che consente di ereditare la classe di merito da un familiare con la medesima residenza.Assicurazioni auto

Appare evidente, dunque, che districarsi fra offerte e agevolazioni non è affatto semplice, ed è necessario essere sempre informati sulle modifiche e su tutti gli altri aspetti che riguardano le assicurazioni auto, non dimenticando mai l'opzione delle assicurazioni online che in molti casi si rivelano essere davvero vantaggiose. Per rimanere sempre aggiornati su tutto ciò che bisogna sapere al fine di sceglie l'assicurazione più giusta per le proprie esigenze, esistono dei siti dedicati come ad esempio quello di assicurazione.it.

Alcuni esempi aiutano a capire meglio le situazioni che potrebbero configurarsi in futuro; grazie alla "legge Bersani", un figlio può ereditare dal padre la classe di merito, che risulterà essere vantaggiosa nel caso in cui il genitore è un automobilista modello e da diversi anni non incappa in incidenti. Se però si usufruisce dell'assicurazione gratis per dodici mesi, al termine dell'anno non si potrà più contare sull'agevolazione prevista nella legge poiché ha valore soltanto per la prima assicurazione stipulata dall'acquisto.

Risultato? Il figlio potrebbe vedersi costretto a pagare un prezzo addirittura quintuplicato rispetto a quello previsto. Al termine del periodo coperto dall'assicurazione gratuita, dunque, la "legge Bersani" non può essere più applicata in quanto - come spiega l'Ania, "Associazione Nazionale delle Imprese Assicurative" - il figlio "non può più ereditare la classe di merito del genitore".

Il figlio, infatti, potrebbe ereditare la classe di merito paterna solo quando acquista la macchina (che può essere sia nuova che usata) e sottoscrive il primo contratto in qualità di proprietario della vettura che sta acquistando. Quando si conclude l'anno di copertura gratuita, invece, l'agevolazione della legge non può essere applicata in quanto il figlio andrebbe ad assicurare una macchina che già risulta essere di sua proprietà.

Troviamo poi un'altra problematica legata alla copertura assicurativa gratuita: gli anni di assicurazione gratis non vengono considerati nel momento in cui bisogna assegnare la classe di merito; in sostanza, il periodo di tempo con assicurazione gratuita non costituisce storia assicurativa e al termine dell'offerta si corre il rischio di dover partire addirittura dalla 18esima classe.

Per questa serie di ragioni, l'Ivass - "Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni" - ha deciso di esaminare le caratteristiche di questo genere di polizze ed il modo in cui esse vengono presentate ai consumatori. In ogni caso, il primo consiglio che viene dato agli automobilisti è quello di leggere con estrema attenzione tutte le condizioni presenti nel contratto Rc Auto che viene proposto loro da parte delle case automobilistiche e delle concessionarie.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

sabato 7 novembre 2015

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Ottobre 2015.

1.- Se dico caffè dico…

Se dico caffè dico…

Lungo, corto, alto, ristretto, marocchino, americano, macchiato, corretto, con la panna o con la cioccolata. Come prendete il caffè? Date un'occhiata a quanti modi esistono per ordinare o... Paese che vai, caffè che trovi. Il caffè a Venezia è “pizzicato” quando viene servito con una spruzzatina di panna. Meno comune è il caffè “all'uovo”, un espresso caldo con aggiunta di un uovo sbattuto e

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Le centrali a carbone in Italia.

Le centrali a carbone in Italia.

L’Italia importa via mare circa il 90% del proprio fabbisogno di carbone, su una flotta italiana di circa 60 imbarcazioni che garantiscono una capacità di carico complessiva di oltre 4,6 milioni di tonnellate. Le provenienze sono molto diversificate: i principali paesi di importazione sono gli USA, il Sud Africa, l’Australia, l’Indonesia e la Colombia, ma anche il Canada, la Cina, la Russia e

Leggi il resto dell'articolo... »

Ultimi post pubblicati