Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ seguimi  in stumbleupon Sottoscrivi il feed

social media, 2012, impatto, seo fotografia, digitale, instagram, edicola, on line parlamento italiano, stipendi, edicola, on line salar, uyuni, bolivia, peru zona euro, italia Cina, manager, economia, globalizzazione manchester united, calcio, inghilterra, alex ferguson giulio andreotti, politica, maffia africa, XXI secolo, edicola, on line pulitzer, foto, premio

lunedì 31 agosto 2015

Expo 2015: tutto pronto, in scena i Nebrodi dal 31 agosto al 6 settembre

Presentato il programma della partecipazione del Parco dei Nebrodi e del GAC Costa dei Nebrodi all'atteso evento internazionale. Grazie ad una  cabina di regia  congiunta tra le due istituzioni è stato infatti allestito un palinsesto di ampio respiro, dedicato al territorio ed alle diverse eccellenze.

7 giorni, dal 31 agosto al 6 settembre, per presentare l'intero comprensorio e dare spazio  alle produzioni locali, prime fra tutte quelle dell'Associazione Strade dei Sapori dei Nebrodi, che sarà presente con una delegazione per parlare e presentare le proprie tipicità e la propria professionalità.

nebrodi map

lunedì 10 agosto 2015

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Luglio 2015.

1.- Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida.

  Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida. I cookie sono delle piccole stringhe di testo inviate dai server di un sito a un browser che ne apra una pagina per poi essere rimandati indietro dal client (browser) al server tutte le volte che c'è un nuovo accesso alla stessa pagina web. A parte questioni di privacy che non mi competono in questo contesto, si tratta di un sistema estremamente pratico per accedere a account senza bisogno

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Politica dei cookie di L'Edicola On Line in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

  Politica dei cookie di L'Edicola On Line in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione. A tale proposito se hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica

Leggi il resto dell'articolo... »

domenica 12 luglio 2015

L’ansia della mamma ingrassa il bambino.

In tutto il mondo occidentale il sovrappeso e l’obesità sono patologie in costante e crescente aumento e una buo­na par­te di que­sta po­po­la­zio­ne è rap­pre­sen­ta­ta da bam­bi­ni. L’o­be­si­tà in­fan­ti­le in­fat­ti è un pro­ble­ma di no­te­vo­le ri­le­van­za so­cia­le; ha u­na o­ri­gi­ne mul­ti­fat­to­ria­le e co­me ta­le è il ri­sul­ta­to di di­ver­se cau­se, più o me­no e­vi­den­ti, che in­te­ra­gi­sco­no tra lo­ro.

Ge­ne­ral­men­te pe­rò, e­sclu­se cau­se pret­ta­men­te me­di­che, l’o­be­si­tà nei bam­bi­ni tro­va la sua o­ri­gi­ne in al­cu­ne pro­ble­ma­ti­che ir­ri­sol­te a li­vel­lo fa­mi­lia­re. La ma­dre fin dal­la na­sci­ta del bam­bi­no gio­ca un ruo­lo do­mi­nan­te nel rap­por­to con il ci­bo sia per la sua pre­sen­za ge­ne­ral­men­te mag­gio­re ri­spet­to al pa­dre, sia a un li­vel­lo me­no con­sa­pe­vo­le per es­se­re sta­ta (nei ca­si so­prat­tut­to di al­lat­ta­men­to na­tu­ra­le) la pri­ma fon­te di ci­bo per il bam­bi­no.

Il ci­bo è in o­gni ca­so il pri­mo ca­na­le co­mu­ni­ca­ti­vo tra ge­ni­to­re e fi­glio, quin­di il mo­do più an­ti­co di en­tra­re in re­la­zio­ne: spes­so al­cu­ni ge­ni­to­ri in buo­na fe­de ten­do­no a so­vrap­por­re il ruo­lo del ci­bo con quel­lo del­la re­la­zio­ne sti­mo­lan­do il bam­bi­no a nu­trir­si in mo­do ec­ces­si­vo e sre­go­la­to.

bambino grasso

Av­vie­ne co­sì che me­ren­di­ne e pa­sti non sem­pre ap­pro­pria­ti di­ven­ga­no e­qui­va­len­ti a cu­re e at­ten­zio­ni. La nu­tri­zio­ne ac­qui­sta un va­lo­re e­mo­ti­vo e si con­fi­gu­ra co­me un ul­te­rio­re mez­zo per e­spri­me­re il pro­prio af­fet­to o al­le vol­te per sop­pe­ri­re a qual­che sen­so di col­pa. Nul­la di gra­ve se tut­to que­sto av­vie­ne sal­tua­ria­men­te e con un cer­to gra­do di con­sa­pe­vo­lez­za (e­sem­pio: so­no sta­ta fuo­ri per la­vo­ro e do­po il mio ri­tor­no gli o le con­ce­do qual­che vi­zio in più a­li­men­tar­men­te par­lan­do); il pro­ble­ma na­sce quan­do que­sti com­por­ta­men­ti so­no piut­to­sto fre­quen­ti nel tem­po e si cro­ni­ciz­za­no ren­den­do poi, nei ca­si e­stre­mi ma non trop­po, lo stes­so bam­bi­no ca­pa­ce di sop­pe­ri­re da so­lo al­le ca­ren­ze ge­ni­to­ria­li tro­van­do con­for­to nel ci­bo. Spes­so il ci­bo rap­pre­sen­ta u­na buo­na ri­sor­sa e un va­li­do com­pen­so nei mo­men­ti di scon­for­to cau­sa­ti ma­ga­ri dal­l’as­sen­za pro­lun­ga­ta del ge­ni­to­re e quin­di ri­nun­cia­re al ci­bo si­gni­fi­ca u­na gra­ve per­di­ta di so­sti­tu­ti com­pen­sa­to­ri. Il ci­bo è an­che un re­go­la­to­re di an­sia: ca­pi­ta spes­se vol­te che sia co­sì per un a­dul­to, fi­gu­ria­mo­ci per un bam­bi­no che ha me­no ri­sor­se a di­spo­si­zio­ne e si but­ta a ca­po­fit­to sul ci­bo ren­den­do la pro­pria a­li­men­ta­zio­ne com­pul­si­va

Di co­sa ha bi­so­gno un bam­bi­no in e­vi­den­te sta­to di so­vrap­pe­so? Può sem­bra­re stra­no, ma la per­di­ta di pe­so ad o­gni co­sto non è mai l’o­biet­ti­vo prin­ci­pa­le del­la lot­ta al­l’o­be­si­tà in­fan­ti­le. Qua­lun­que sia la cau­sa, il bam­bi­no ne­ces­si­ta di a­mo­re; la fa­mi­glia de­ve sup­por­tar­lo e ras­si­cu­rar­lo sen­za mai  cri­ti­car­lo o giu­di­car­lo per la sua con­di­zio­ne fi­si­ca. Spes­so le fa­mi­glie dei bam­bi­ni o­be­si so­no an­ch’es­se for­te­men­te vit­ti­me di un di­sa­gio e in­ca­pa­ci di far fron­te al­la si­tua­zio­ne in mo­do ef­fi­ca­ce e fi­ni­sco­no per per­de­re il con­trol­lo a di­sca­pi­to del be­nes­se­re del bam­bi­no. Ri­sul­ta più u­ti­le al­lo­ra la ri­fles­sio­ne gui­da­ta del­la si­tua­zio­ne con l’aiu­to di un e­sper­to in un­’ot­ti­ca a tre­cen­to­ses­san­ta gra­di che, ol­tre a so­ste­ne­re psi­co­lo­gi­ca­men­te il bam­bi­no, coin­vol­ga pu­re la fa­mi­glia fo­ca­liz­zan­do l’at­ten­zio­ne sul­le di­na­mi­che che pos­so­no a­ver ge­ne­ra­to ta­le con­di­zio­ne. Il bam­bi­no o­be­so non do­vrà es­se­re la­scia­to so­lo, i­so­la­to: ha si­cu­ra­men­te un bi­so­gno piut­to­sto im­pel­len­te di ri­tro­va­re u­na cor­ret­ta a­li­men­ta­zio­ne, ma ne­ces­si­ta an­co­ra di più di tro­va­re com­pren­sio­ne e aiu­to al­l’in­ter­no del­la sua fa­mi­glia.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

La questione greca viene affrontata sempre più in termini economici e sempre meno in termini politici.

La questione greca viene affrontata sempre più in termini economici e sempre meno in termini politici, perpetuando il vizio di fondo di una intesa continentale possibile a patto che resti lontana ogni effettiva rinuncia alle singole sovranità nazionali fosse pure nel contesto di una unione federale. Prendendo spunto da una famosa definizione di Sandro Pertini, osserviamo che ancora una volta prevale l’Europa dei mercanti su quella dei popoli.

Eppure non ci vorrebbe molto a comprendere che, continuando di questo passo, l’alternativa alla inevitabile disgregazione eurocratica sarà lo spostamento strategico su altri versanti e segnatamente su quello orientale.

Il disegno di Charles de Gaulle che propugnava una Europa dall’Atlantico agli Urali si avvicina secondo un percorso diverso da quello immaginato ma non per questo meno efficace. La fallimentare e miope visione monetaristica soffoca nell’immediato singoli paesi, ma è destinata a trascinare nella rovina tutti gli altri sconvolgendo quei faticosi equilibri costruiti dal dopoguerra ad oggi.

grecia crisi

Il referendum in Grecia offre una straordinaria opportunità a un popolo al quale si stanno inchinando i vari leader non solo europei ma addirittura mondiali, da Hollande a Merkel e Cameron, ma anche Obama e persino le autorità cinesi. La scelta è ancora una volta tra la fame e la libertà e non è affatto scontato che la prima prevalga nel paese che ha insegnato la democrazia al mondo e lo ha guidato nel cammino verso la civiltà, cui non è certo estraneo l’apporto giuridico partito da Roma. I due anelli deboli dell’economia europea, ammesso che proiettino intorno a sé le ombre delle incertezze congiunturali, sono proprio quelli che hanno donato a tutti la luce del progresso.

Si ragiona di partite e contropartite contabili (peraltro avvilite in una misera frazione percentuale rispetto alla complessiva economia continentale) e incredibilmente – o perfidamente – si tende a ignorare la natura geopolitica della questione. La Turchia, lungamente relegata all’anticamera dell’Europa, si è alla fine determinata a ricercare spazi nel mondo arabo dove sono ancora vivi gli echi delle trionfali accoglienze riservate a Erdogan che nel suo paese rappresenta le forze islamiche e nell’area mediorientale si contrappone alla teocrazia iraniana.

grecia_proteste

La Russia, che sconta con l’embargo le proprie iniziative annessionistiche prima in Crimea e ora in Ucraina, ha gli strumenti e i mezzi per condizionare le economie degli altri stati, che già soffrono per le riduzioni dell’interscambio commerciale. Un’entrata della Grecia nell’orbita russa, benedetta dalle comuni radici ortodosse (come d’altronde in Bulgaria e Romania) e rafforzata dal provvidenziale apporto di meno di un pugno di dollari ma molto più di un pugno di rubli, potrebbe incoraggiare altri paesi nella stessa scelta, bilanciando l’uscita delle repubbliche baltiche Lituania, Estonia e Lettonia, ma soprattutto degli ex satelliti sovietici come Polonia, Ungheria e Cecoslovacchia, che sarebbero indotti a riposizionarsi in uno scenario dagli imprevedibili sviluppi.

L’unica via di uscita è la trasformazione federale dell’Europa, sempre più urgente per evitarne l’inarrestabile declino. Ma qui l’ostacolo è paradossalmente costituito dalle istituzioni, nelle quali continuano a prevalere le motivazioni particolari dei singoli paesi rispetto agli interessi generali, con il rischio immediato di sconvolgere il sistema monetario comune e, a seguire, di distruggere la unione politica. Non a caso Eugenio Scalfari ha sintetizzato il problema richiamandosi all’Amleto e ponendolo nei termini essenziali dell’essere o non essere.

Viviamo in diretta una sorta di negazionismo, che non riguarda più le indicibili e altrettanto indimenticabili nefandezze dell’ultimo conflitto mondiale, ma la stessa realtà che si svolge sotto i nostri occhi. Le tensioni centrifughe si manifestano con crescente intensità nell’intero continente, nella Catalogna secessionista non meno che nel Galles britannico, e si incrociano pericolosamente con le tendenze xenofobe alimentate dall’ignavia generalizzata dinanzi al fenomeno delle migrazioni e dei sottostanti drammi umani. Eppure la gente continua a credere nell’Europa, ma si ribella alle impostazioni tecnocratiche che la soffocano producendo i desolanti risultati di cui la crisi ellenica è la cartina di tornasole o meglio la punta dell’iceberg. Il referendum cui viene chiamato il popolo greco è per un sì o un no a questa Europa, che si presenta e agisce come la negazione di se stessa; ma la posta in gioco è il nostro comune destino e viene da sperare che un responso negativo possa scatenare una controspinta che trasformi l’incubo in un sogno e conduca finalmente alla sua realizzazione.

grecia-crisi

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Giugno 2015.

1.- Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida.

  Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida. I cookie sono delle piccole stringhe di testo inviate dai server di un sito a un browser che ne apra una pagina per poi essere rimandati indietro dal client (browser) al server tutte le volte che c'è un nuovo accesso alla stessa pagina web. A parte questioni di privacy che non mi competono in questo contesto, si tratta di un sistema estremamente pratico per accedere a account senza bisogno

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Politica dei cookie di L'Edicola On Line in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

  Politica dei cookie di L'Edicola On Line in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione. A tale proposito se hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica

Leggi il resto dell'articolo... »

mercoledì 10 giugno 2015

L’Edicola on Line: I 10 articoli più letti nel mese di Maggio 2015.

1.- Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida.

  Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida.

I cookie sono delle piccole stringhe di testo inviate dai server di un sito a un browser che ne apra una pagina per poi essere rimandati indietro dal client (browser) al server tutte le volte che c'è un nuovo accesso alla stessa pagina web. A parte questioni di privacy che non mi competono in questo contesto, si tratta di un sistema estremamente pratico per accedere a account senza bisogno

Leggi il resto dell'articolo... »

2.- Politica dei cookie di L'Edicola On Line in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

  Politica dei cookie di L'Edicola On Line in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione. A tale proposito se hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica

Leggi il resto dell'articolo... »

Come eliminare i cookie di un dato dominio dai vari browser:ecco la guida.

I cookie sono delle piccole stringhe di testo inviate dai server di un sito a un browser che ne apra una pagina per poi essere rimandati indietro dal client (browser) al server tutte le volte che c'è un nuovo accesso alla stessa pagina web.

A parte questioni di privacy che non mi competono in questo contesto, si tratta di un sistema estremamente pratico per accedere a account senza bisogno di digitare username e password tutte le volte.

Pensate a Facebook. Basta cliccare sul collegamento che avrete certamente messo nei preferiti per accedere al vostro profilo o alla vostra timeline. Questo vale anche per tutti i servizi Google associati al vostro account GMail.

L'eliminazione di tutti i cookie del browser è una operazione molto semplice che però ha come controindicazione la necessità di effettuare nuovamente l'accesso a tutti i siti di cui il browser aveva memorizzato i cookie.

Per cancellare i cookie su Chrome si va in alto a destra sulla icona dei settaggi quindi su Strumenti > Cancella dati navigazione e si mette la spunta su Elimina cookie e altri dati di siti e plugin.

Se si usa Firefox occorre cliccare su Strumenti > Cancella la cronologia recente e in Dettagli mettere la spunta anche a Cookie.

Ultimi post pubblicati